Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dazlex.it/home/plugins/system/marcosinterceptor/marcosinterceptor.php on line 19
Secondo il Consiglio di Stato francese è illegittimo il divieto di "burkini" in spiaggia

logoORIZ2

  • Home
  • news
  • Secondo il Consiglio di Stato francese è illegittimo il divieto di "burkini" in spiaggia

Secondo il Consiglio di Stato francese è illegittimo il divieto di "burkini" in spiaggia

Burkini

Il Consiglio di Stato francese, con l’Ordonnance resa in via d’urgenza lo scorso 26 agosto, ha ritenuto illegittimo il provvedimento adottato dal sindaco di Villeneuve-Loubet (Francia) – che aveva vietato, per il periodo dal 15 giugno al 15 settembre 2016, l’utilizzo nelle spiagge pubbliche di un abbigliamento non rispettoso del principio di laicità dello Stato, imponendo così il divieto di burkini anche per ragioni legate alla sicurezza dei bagnanti e all’igiene – ritenendo che esso costituisca un «attentato grave» alle libertà fondamentali, come quella di circolazione, di coscienza e libertà personale, oltre ad essere manifestamente illegale, in quanto sproporzionato e non supportato da oggettive e giustificate ragioni di ordine pubblico.
Va ricordato che sulla questione della ostentazione di segni religiosi, in particolar modo sull’utilizzo del velo islamico sui luoghi di lavoro, è stata chiamata a pronunciarsi la Corte di Giustizia della Unione Europea in due giudizi (C-188/15 e C-157/15), tuttora pendenti, i cui esiti appaiono tutt’altro che prevedibili, stante la divisione e le opposte conclusioni rassegnate dagli Avvocati generali.
Nel giudizio C-157/2015 l'avvocato generale Kokott, difatti, ha orientato le proprie conclusioni nel senso di ritenere conforme alla direttiva 2000/78 sulla parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro (recepita in Italia mediante il decreto legislativo numero 216/2003) la decisione del datore di lavoro di vietare l'esibizione di simboli religiosi in azienda, tra i quali va annoverato il velo.
Nella causa (C-188/15), invece, l’Avvocato generale Sharpston ha concluso per la incompatibilità con il diritto dell’Unione del divieto di uso del velo islamico, ritenendo discriminatorio il licenziamento intimato a una lavoratrice mussulmana che si era opposta al divieto di utilizzo del velo fissato dal datore di lavoro dopo le lamentele di alcuni clienti.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Tags: burkini, velo islamico, divieto, spiaggia, libertà, segni, religiosi

Stampa Email

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy Cookie Policy