Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dazlex.it/home/plugins/system/marcosinterceptor/marcosinterceptor.php on line 19
Nuovo codice deontologico forense

logoORIZ2

Nuovo codice deontologico forense

AvvocatoIl 16 ottobre 2014 è stato pubblicato in G.U. il nuovo codice deontologico forense approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 31 gennaio 2014. Il nuovo codice deontologico entrerà in vigore decorsi 60 giorni dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il nuovo Codice recepisce alcune delle norme più recenti in materia di aggiornamento professionale, come quella relativa alla formazione continua. Tra le altre cose, viene stabilito il divieto assoluto di procacciare clienti tramite agenzie o finalità non correlate a correttezza o decoro della professione, con conferma della proibizione di cercare lavoro a domicilio. Non mancano neanche le direttive sui rapporti con i colleghi, con divieto assoluto di registrare le conversazioni telefoniche con altri avvocati, le quali non possono in alcun modo essere inclusi anche negli atti dei processi. Tra le novità più rilevanti introdotte nel testo, emergono con particolare importanza le disposizioni volte a tipizzare gli illeciti disciplinari, seguite dall’elenco delle sanzioni, adeguate e proporzionate alla violazione deontologica, messe a disposizione degli organi disciplinari. Nello specifico le sanzioni disciplinari, corredate di un meccanismo di aggravamento e di attenuazione in relazione alla maggiore o minore gravità del fatto oggetto del procedimento, vengono delineate come segue: primo fra tutti interviene l’avvertimento, una sorta di invito ad astenersi dal compiere altre infrazioni; seguito dalla censura, consistente nel biasimo formale; dalla sospensione, cioè l’esclusione temporanea dall’esercizio della professione ed, infine, dalla radiazione, che equivale all’esclusione definitiva dall’albo, elenco o registro, e impedisce l’iscrizione a qualsiasi altro albo, elenco o registro, fatto salvo quanto previsto dalla legge. Nei casi di infrazioni lievi e scusabili, all’incolpato è fatto richiamo verbale, non avente carattere di sanzione disciplinare.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Stampa Email

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy Cookie Policy