Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dazlex.it/home/plugins/system/marcosinterceptor/marcosinterceptor.php on line 19
Il provvedimento di assegnazione casa familiare opponibile anche se non trascritto

logoORIZ2

  • Home
  • news
  • Il provvedimento di assegnazione casa familiare opponibile anche se non trascritto

Il provvedimento di assegnazione casa familiare opponibile anche se non trascritto

agevolazione-prima-casa-

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 22593, depositata il 23 ottobre 2014 ha ribadito il principio consolidato, già enunciato dalle Sezioni Unite, secondo cui il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per sua natura data certa, è opponibile, ancorché non trascritto, al terzo acquirente (e quindi in generale a tutti i terzi) per i successivi 9 anni decorrenti dalla data dell'assegnazione, ovvero - ma solo ove il titolo sia stato in precedenza trascritto - anche oltre i 9 anni (Cass. Civ. S.U. n. 11096/2002). Detto orientamento risulta applicabile sino al 2006, momento in cui è stato introdotto nel c.c. l'art. 155 quater. L'interesse tutelato dalla giurisprudenza testé richiamata è quello prioritario della prole di permanere nell'habitat domestico nel quale hanno vissuto prima del conflitto coniugale (Cass. Civ. n. 8580/2014).

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Tags: casa,, provvedimento,, assegnazione,, familiare,, opponibile,, tutti,, terzi,, anche,, oltre,, 9,anni,

Stampa Email

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy Cookie Policy