Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dazlex.it/home/plugins/system/marcosinterceptor/marcosinterceptor.php on line 19
Contrattazione collettiva nazionale e deroga alla responsabilità solidale negli appalti

logoORIZ2

  • Home
  • news
  • Contrattazione collettiva nazionale e deroga alla responsabilità solidale negli appalti

Contrattazione collettiva nazionale e deroga alla responsabilità solidale negli appalti

Responsabilitasolidale

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con Interpello n. 9 del 17 aprile 2015, ha risposto ad un quesito in merito alla corretta interpretazione dell’art. 29, co. 2, D.Lgs. n. 276/2003, nella parte in cui prevede che la contrattazione collettiva nazionale possa derogare al regime della responsabilità solidale negli appalti: l’espressione “salva diversa disposizione dei contratti collettivi nazionali” si riferisce alla contrattazione collettiva sottoscritta da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative del settore di appartenenza dell’appaltatore ovvero di quello del committente?

In proposito, l’art. 9, comma 1, D.L. n. 76/2013 (conv. da L. n. 99/2013 ), ha specificato che le eventuali diverse disposizioni contenute nei contratti collettivi nazionali possano esplicare i propri effetti

solo con riferimento ai trattamenti retributivi dovuti ai lavoratori impiegati nell'appalto/subappalto, “con esclusione di qualsiasi effetto in relazione ai contributi previdenziali e assicurativi” (cfr. Min. Lav. circ. n. 35/2013).

Ciò premesso, in risposta al quesito, il Ministero sottolinea che l’istituto della responsabilità solidale costituisce una garanzia per i lavoratori impiegati nell’appalto − evidentemente dipendenti dell’appaltatore e del subappaltatore – sì che appare conforme alla ratio della disposizione ritenere che eventuali regimi derogatori possono essere disciplinati solo dai contratti collettivi applicati ai lavoratori in questione. Nell’ambito di tali contratti, pertanto, le organizzazioni datoriali e sindacali potranno individuare “metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti”, adeguatamente utili a garantire l’assolvimento, da parte dell’appaltatore, degli obblighi retributivi nei confronti dei propri lavoratori, senza limitarsi a prevedere l’acquisizione delle relative autodichiarazioni rilasciate dai datori di lavori”.

Allegato: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Interpello n. 9 del 17 aprile 2015

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Tags: regime, appalti, solidale, deroga, Avv. Augusto Zingaropoli

Stampa Email

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy Cookie Policy